Carl Rohde a Milano

24 04 2010

Venerdì 23 aprile, ore 9.30

Università Cattolica di Milano

Cripta Aula Magna

Qualche anno fa, quando ho iniziato a studiare il coolhunting, mi sono imbattuto nel nome di Carl Rohde. Diverse riviste lo citavano come “Dr. Cool”, massimo esperto dell’analisi di tendenze in Europa. Scoprii che da lì a poco avrebbe tenuto una lezione all’Universidad del Paìs Vasco, a San Sebastiàn. Credo fosse l’estate del 2007. Ci incontrammo lì e, davanti a un sandwich e al blu dell’oceano Atlantico, mi raccontò della sua agenzia di ricerca (che allora si chiamava Signs of the Time) e del suo metodo di lavoro. Capii che il coolhunting era, poteva essere, una questione seria, a dispetto dei blog di autoproclamatisi coolhunter che reclamano gloria perché sanno quali saranno le prossime scarpe alla moda (cito all’impronta una frase di Grant McCracken).


Venerdì 23 aprile
Carl, fresco vincitore del premio “Trendwatcher of the Year“, ha fatto tappa a Milano nel corso di quello che potrei definire, a rischio di farlo sembrare una rock star, il suo tour mondiale. Una serie di lectures nelle università di tutto il mondo per lanciare la sua cool city hunt globale. L’analisi e la documentazione di 10 trend socio-culturali di fronte a un pubblico di studenti chiamati a contribuire con i loro esempi, partecipando così alla costruzione di un enorme database di tendenze. [Per gli studenti: qui il brief con istruzioni e deadline].
Cito qui solo uno dei temi sui quali Carl sta lavorando, forse perché è quello che mi riguarda di più: The Rise of the Urban Nomads. Giovani che lavorano 24/7, sono sempre connessi, non amano l’ufficio. Circondati da tecnologie mobili, sotto pressione costante, sono in costante movimento ma hanno sempre con sé tutte le informazioni che occorrono loro, grazie al web e ai media digitali. La loro ultima scoperta? Un nano-proiettore quasi tascabile per proiettare slides ovunque.

Aggiornamento (30.06.2010). Science of the Time mi ha appena spedito i risultati della coolhunt milanese. Pubblico qui (protetti da password) le valutazioni di Rohde  e la classifica dei migliori otto esempi.








%d bloggers like this: